Comunicato stampa

Fondi post Vaia: arrivano i soldi Scarzanella: “Notizia rassicurante per il nostro martoriato territorio”


  • Data: 5/4/2019

Fondi per il maltempo di fine ottobre: arrivano buone notizie. “Lo sblocco dei fondi attesi da imprese e privati è indubbiamente rassicurante per il nostro martoriato territorio” commenta così la presidente di Confartigianato Belluno, Claudia Scarzanella, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che porta tale informazione.
Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi della messa a disposizione di denari per la ricostruzione del Bellunese, la legge di conversione del decreto del Presidente del Consiglio mette ora i Commissari delegati nelle condizioni di agire senza tergiversare.
“Il Bellunese ha bisogno di riprendersi e di farlo velocemente - sottolinea la presidente Scarzanella - prima di tutto per dare un futuro alla popolazione, poi perché ci sono due appuntamenti internazionali che interessano la nostra provincia: i Mondiali di sci nel 2021 e l’attesa assegnazione delle Olimpiadi del 2026. Per queste date dovremo rimetterci a nuovo e mostrare tutte le nostre bellezze: paesaggi, paesi, comunità”.
Il provvedimento appena emanato, dopo le opere per interventi per la difesa idrogeologica, per il rischio valanghivo, per la viabilità e le reti infrastrutturali, riconosce infatti la possibilità di risarcimenti sia per le abitazioni private sia per le imprese. Per la prima abitazione il rimborso arriva fino all’80 per cento della spesa (massimo 150.000 euro); nel caso di seconde case la percentuale si ferma al 50 per cento. Le attività produttive sono ammesse al rimborso sia per la ristrutturazione o delocalizzazione delle strutture fino al 50 per cento (massimo 450.000 euro). Analoga cifra potrà essere raggiunta anche per il ripristino o sostituzione di impianti e macchinari distrutti, In tal caso la percentuale ammissibile salirà fino all’80 percento.
“Si tratta di misure significative per il nostro territorio - puntualizza Michele Basso, direttore di Confartigianato Belluno. Prima di tutto quella che interessa le aziende e che prevede l’ammissione fino all’80 per cento per la sostituzione o il ripristino di impianti”. “Benchè soddisfatti del provvedimento, non possiamo che auspicare la massima semplificazione burocratica di tali pratiche. E mi riferisco in particolare alle domande o alle perizie asseverate proprio perché i benefici previsti possano concretizzarsi nel più breve tempo possibile”.
“L’arrivo di questi denari - conclude la presidente Scarzanella - può favorire la ripresa economica del Bellunese. Per il settore dell’edilizia tale occasione può segnare il punto di svolta per una ripartenza, dopo anni di crisi che sembra non lasciare mai da questo settore”.

Torna all'archivio comunicati





Il Sistema Associativo

  • Caaf Confartigianato
  • CRGA
  • Confartigianato Servizi
  • Feinar
  • Inapa