Assegno unico: INPS risponde ai quesiti più frequenti

Condividi articolo:

Con una recente nota l’INPS ha risposto ai quesiti più frequenti riguardanti il nuovo assegno unico universale.
Qui di seguito quanto chiarito dall’Ente.

1. Quando si potrà richiedere l’assegno unico?
Da gennaio 2022, ma bisogna ricordare che per definire l’importo è necessario aver presentato un Isee valido. È possibile anche presentare la domanda senza Isee ma in questo caso si accederà solo all’importo minimo previsto per l’assegno unico. Sarà comunque possibile presentare l’Isee successivamente. In questo caso l’importo dell’assegno sarà determinato in base al valore ISEE per il proprio nucleo familiare. Per coloro che presentano ISEE entro il 30 giugno 2022, comunque, verranno riconosciuti gli importi spettanti in base al valore dell’ISEE presentato a decorrere dal mese di marzo 2022.

2. L’Isee è obbligatorio?
No, la prestazione Assegno Unico ha carattere universalistico e può essere richiesta anche in assenza di ISEE. In tal caso, si ha diritto solo all’importo minimo.

3. Quando verrà pagato l’assegno unico?
Per le domande presentate a gennaio e febbraio i pagamenti cominceranno a essere erogati tra il 15 e il 21 marzo. Per le domande presentate successivamente il pagamento verrà effettuato alla fine del mese successivo a quello di presentazione della domanda. Per chi presenta la domanda entro giugno 2022 i pagamenti avranno decorrenza per le mensilità arretrate dal mese di marzo.

4. Posso richiedere l’assegno unico se sono in stato di gravidanza?
Per i nuovi nati l’assegno unico decorre dal settimo mese di gravidanza. La domanda va presentata dopo la nascita, dopo che è stato attribuito al minore il codice fiscale. Con la prima mensilità di assegno saranno pagati gli arretrati a partire dal settimo mese di gravidanza. L’assegno unico non è comunque compatibile con il premio alla nascita.

5. Chi ha fatto domanda per Assegno Temporaneo non lo percepirà più da gennaio?

Chi ha già percepito l’Assegno Temporaneo continuerà a percepirlo fino a febbraio 2022. Per percepire l’assegno unico da marzo 2022, dovrà presentare domanda, tenendo presente che i pagamenti sono comunque disposti a partire dal mese successivo a quello di presentazione della domanda. Per avere l’assegno da marzo occorre, quindi, presentare domanda entro febbraio.

6. Chi ha presentato domanda per l’Assegno Temporaneo deve ripresentarla per Assegno Unico?
La domanda deve essere ripresentata anche da chi percepiva l’Assegno Temporaneo a eccezione di chi percepisce il Reddito di Cittadinanza che lo riceverà in automatico.

7. Come avviene il pagamento?

Sul conto corrente bancario o postale, bonifico domiciliato presso sportello postale, libretto postale, Conto corrente estereo area SEPA, Carta prepagata con Iban. Questi conti devono essere intestati al richiedente o all’altro genitore (se viene scelta la ripartizione dell’importo).

Per informazioni contattare il Patronato di Confartigianato Imprese Belluno.

Cerca articoli

Ultimi articoli

Categorie
Archivi
Hai bisogno di aiuto o hai un dubbio?

Se desideri più informazioni o vuoi richiedere una consulenza, scrivici o chiamaci.

CONTATTACI

Articoli Correlati

Convenzioni 2024: EOLO

Tra le Convenzioni a disposizione degli associati, imprese e persone, vi ricordiamo che è sempre disponibile la Convenzione con EOLO, azienda leader nel campo della

Leggi Tutto »