Caro energia, le imprese artigiane temono un autunno drammatico

Condividi articolo:

Comunicato stampa del 30 agosto 2022

 

Scarzanella: «Interventi rapidi per scongiurare costi insostenibili»

 

«L’aumento delle bollette di luce e gas sta mettendo a rischio le piccole imprese. Senza interventi rapidi per scongiurare costi insostenibili, rischiamo che diverse attività siano costrette a chiudere». Lancia l’allarme la presidente di Confartigianato Belluno, Claudia Scarzanella. L’escalation dei prezzi rilevata negli ultimi mesi sembra destinata a crescere ulteriormente. E per gli artigiani l’autunno potrebbe trasformarsi in un incubo. 

 

Sono i dati rilevati da Confartigianato a tratteggiare la drammaticità della situazione. L’ufficio studi ha calcolato l’impatto sulle micro e piccole imprese della crisi energetica e dell’impennata dei prezzi del gas. Da settembre 2021 a oggi le micro e piccole imprese del Veneto hanno pagato per l’energia elettrica 2,1 miliardi in più rispetto all’anno precedente. Una batosta senza precedenti che rischia di ingigantirsi ulteriormente: se nei prossimi quattro mesi i prezzi dell’elettricità non diminuiranno, i maggiori costi per i piccoli imprenditori saliranno nel 2022 a 4,2 miliardi in più rispetto al 2021.

 

Nel dettaglio, la rilevazione di Confartigianato mette in evidenza che gli aumenti del prezzo dell’energia per le piccole aziende con consumi fino a 2000 MWh si traducono in un maggiore costo, tra settembre 2021 e agosto 2022, di 21,1 miliardi di euro rispetto ai dodici mesi precedenti, pari al 5,4% del valore aggiunto creato dalle micro e piccole imprese.

 

A livello territoriale, sono nove le regioni in cui il boom dei costi dell’elettricità supera il miliardo di euro. I maggiori oneri, 4,3 miliardi, li hanno subiti gli imprenditori della Lombardia, seguiti da quelli del Veneto con 2,1 miliardi, dell’Emilia-Romagna (1,9 miliardi). In Italia – rileva Confartigianato – la velocità di crescita dei prezzi al consumo dell’energia elettrica è decisamente più elevata rispetto a quanto avviene nell’Unione europea: a luglio 2022, infatti, il prezzo dell’elettricità è cresciuto dell’85,3% rispetto dodici mesi prima, a fronte del +35,4% della media dell’Eurozona e, in particolare, del +18,1% della Germania e del +8,2% della Francia.

 

«In questa situazione è complicatissimo lavorare di per sé. Ma è la montagna a risentire maggiormente del peso delle bollette, perché da noi il gas serve anche per riscaldare gli ambienti, non solo per mandare avanti le attività. E il riscaldamento è una necessità per famiglie e imprese da ottobre ad aprile» sottolinea la presidente Scarzanella. «Nell’agenda del prossimo governo, il problema delle bollette deve essere al primissimo posto». 

Cerca articoli

Cerca

Ultimi articoli

Categorie
Archivi
Hai bisogno di aiuto o hai un dubbio?

Se desideri più informazioni o vuoi richiedere una consulenza, scrivici o chiamaci.

CONTATTACI

Articoli Correlati

Bilancio sociale 2023

È stato redatto il primo bilancio sociale di Confartigianato Imprese Belluno, documento fondamentale per ribadire gli scopi cui Confartigianato Belluno mira e i valori che

Leggi Tutto »