11 dicembre, giornata Internazionale della Montagna 2023

Condividi articolo:

Comunicato stampa n. 35/2023 del 9 dicembre

Scarzanella: “il DDL sulla valorizzazione delle zone montane va approvato ma tenendo conto anche dell’artigianato”

 

Ridurre le condizioni di svantaggio è il primo passo per il rilancio della provincia interamente montana.

 

In occasione della Giornata Internazionale della Montagna, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e giunta alla sua ventunesima edizione, la Presidente di Confartigianato Imprese Belluno Claudia Scarzanella, nonché VicePresidente Vicario di Confartigianato Imprese Veneto, sollecita l’approvazione in Parlamento del DDL sulla valorizzazione delle zone montane. “Le parole del Presidente della Repubblica Mattarella sulla necessità del presidio del territorio montano, non solo da parte degli abitanti locali, –afferma– hanno un valore importante perché significano comprendere l’importanza indispensabile, del lavoro quotidiano di cittadini e imprese artigiane, sentinelle dell’equilibrio sociale, culturale ed economico delle piccole comunità di montagna, anche se non sufficiente. Si deve dare attenzione anche all’artigianato! Citato nelle premesse (art.1), nel documento il nostro mondo viene infatti “dimenticato” in quelli successivi come ad esempio il 3 (promozione delle zone montane) ed il 12 (incentivi agli investimenti) e 13 (Rifugi di montagna). L’artigianato, anche in montagna, è presidio di comunità grazie ai servizi economici e sociali che eroga. Siamo parte integrante di questi territori e sarebbe un errore strategico non tenerne conto.”

 

Siamo convinti che, per incidere dove più è necessario e non disperdere risorse, si debba tenere conto dei numeri a partire, ad esempio, da quali potrebbero essere i comuni interessati. La titolarità della classificazione è infatti cambiata nel tempo. Nella nostra indagine “Caratteristiche strutturali e socio-economiche delle aree montane venete”- ad esempio, dato che il DDL torna ad affrontare la questione, abbiamo scelto un criterio misto di tre fonti: i comuni montani indicati nell’elenco allegato E della DGR n. 1510 del 2021, quelli indicati dalla L.R. 25/14 e quelli indicato da ISTAT come “Montagna” in base alla altimetria. Ne risulta una lista di 126 comuni veneti (1 su 5) che coinvolgono 4 province per un totale di 409.147 abitanti (8,4% della popolazione veneta). Belluno risulta l’unica provincia totalmente montana, con una popolazione di 198.518 abitanti divisi nei 61 comuni. Stabilito il perimetro di interesse, la nostra analisi si è concentrata su tre macro ambiti: evoluzione demografica, mercato del lavoro e tessuto imprenditoriale e i servizi.

 

Il primo dato di rilievo è che la popolazione dei comuni montani Bellunesi, tra il 1961 ed il 2022, è scesa di circa 35mila persone pari al -15% (da 233mila a 198mila) ma, nel frattempo, nel resto del Veneto è cresciuta dal +31% arrivando a 4 milioni 445mila. Nel lungo periodo Belluno subisce l’emorragia demografica maggiore rispetto agli altri territori montani.

 

Per quanto riguarda l’economia, sono quasi 130mila gli occupati nel privato nelle aree montane con un mercato del lavoro che si muove più o meno in linea con il resto della regione (+3,3% negli ultimi 10 anni). Quello che cambia è rapporto tra addetti (del privato) e la popolazione che vede i comuni montani (49,6%) molto al di sotto del 57,7% delle altre aree. Ad una occupazione in crescita fa da contraltare il dato preoccupante della riduzione delle unità locali che è in atto, incessantemente, dal 2012 ad oggi (-7,9%). Un calo più che doppio rispetto a quanto avvenuto nei comuni non montani. Soffrono quindi, in montagna, particolarmente le piccole imprese, quelle con meno di 9 addetti, scese del -6,2% in sette anni e tengono invece quelle più strutturate. Anche il reddito medio imponibile per contribuente, pur avendo un andamento crescente simile a quello regionale, dal 2012 al 2019 nei comuni montani si è mantenuto al di sotto circa del -8%.

 

Dalla nostra indagine emerge anche un problema di economie di scala se si guarda, ad esempio, agli organici di scuola e sanità. Nel primo caso il numero di studenti per dipendente è 2,7 a fronte di una media ragionale di 8,3 e nella sanità ci sono 2.013 residenti per dipendente in montagna contro una media di 6.770. “E’ ovvio –afferma Scarzanella– che l’obiettivo deve essere la razionalizzazione. Ma quando si parla di montagna va posto un occhio di riguardo anche alla fruibilità del servizio. Una scuola, un presidio medico, vanno analizzati caso per caso per decidere con la comunità che ne usufruisce la modalità di evoluzione migliore. Abbiamo avuto recentemente un esempio virtuoso con la giunta regionale che ha evitato l’accorpamento dell’istituto comprensivo di Zoldo con Longarone, accogliendo la richiesta del territorio”.

 

Infine sul fronte della digitalizzazione, strada obbligata per cittadini e imprese, il territorio montano risulta molto penalizzato per la diffusione di internet. C’è il 7,4% delle famiglie senza internet ed il 60% è sotto la soglia dei 30 Mbps. Solo lo 0,2% ha accesso ad oltre 500 Mbps contro l’8,1% dei comuni non montani. I lavori nell’ambito della strategia per la banda ultra larga non sono ancora conclusi: in provincia di Belluno nella metà dei comuni i lavori non sono ancora stati conclusi, e in vari casi sono ancora in progettazione esecutiva. Un gap che preclude non solo le sfide dell’industria e dei servizi (la telemedicina potrebbe ad esempio essere una soluzione che necessità però di banda larga) ma impedisce anche l’obiettivo della sostenibilità.

 

Questa fotografia –conclude Scarzanella– ci ha guidati nelle proposte che porteremo ai tavoli nazionali. A partire dalla necessità di guardare all’economia ed alla società nel suo complesso e non solo al tema primario per altro in un territorio in cui l’incidenza della superficie agricola utilizzata su quella totale è, ovviamente, molto bassa. Riteniamo sia necessario accelerare sulla “Strategia per la montagna” e spingere su incentivi, differenziali e approcci innovativi. Noi siamo pronti a passare dalle parole ai fatti”.

Cerca articoli

Ultimi articoli

Categorie
Archivi
Hai bisogno di aiuto o hai un dubbio?

Se desideri più informazioni o vuoi richiedere una consulenza, scrivici o chiamaci.

CONTATTACI

Articoli Correlati

Convenzioni 2024: EOLO

Tra le Convenzioni a disposizione degli associati, imprese e persone, vi ricordiamo che è sempre disponibile la Convenzione con EOLO, azienda leader nel campo della

Leggi Tutto »