Caro luce e gas, le imprese artigiane rischiano di aumentare la voce di spesa anche del 200%

Condividi articolo:

Comunicato stampa del 11 gennaio 2022

 

Scarzanella: «A rischio la tenuta di molte attività, specialmente in montagna dove i costi incidono più che in pianura»

 

«Se non si abbassano i costi energetici, non ci potrà essere nessuna ripresa. Le spese attuali rischiano di essere insostenibili, soprattutto se sommate agli aumenti delle materie prime». È quanto afferma la presidente di Confartigianato Belluno Claudia Scarzanella, analizzando l’elaborazione dei dati sui consumi luce e gas 2022 effettuata dall’ufficio studi della Federazione regionale e dopo aver raccolto le preoccupazioni delle imprese associate.

 

Le proiezioni sono state fatte su diversi tipi di consumo e diverse tipologie di azienda artigiana.

 

Rispetto al 2021 un’azienda della plastica che utilizza annualmente 2,5 milioni di kWh avrà un aumento della spesa della materia prima del 289%, passando da 186.257 euro a 725.761 euro; un’azienda meccanica con 1,2 milioni di kWh/anno subirà un aumento del 287%, passando da 88.034 euro a 341.320 euro.

 

L’aumento per un’azienda della ceramica con 20.790 kWh annui sarà del 254%, passando da un costo materia prima di 1.798 euro a 6.372 euro, mentre per il gas con 1.921 metri cubi mensili l’aumento sarà del 358%, passando da un costo medio mensile di 436 euro a 2.076 euro.

 

Un caseificio che consuma 594.462 KWh/anno avrà un aumento del 281%, con costi che passeranno da 42.225 euro a 160.864 euro, mentre per il gas a fronte di un consumo mensile di 20.112 metri cubi avrà un aumento del 398%, passando da una spesa media mensile di 4.188 ero a 20.882 euro.

 

Un molino con 1.454.494 kWh annui passerà da un costo del 2021 di 99.338 euro a 388.615 euro con un aumento del 291%.

 

«Di fronte a questi dati non possiamo che essere preoccupati – commenta la presidente Scarzanella -. Tanto più per le aziende di montagna, dove i costi energetici sono superiori, tra riscaldamento e luce. In queste settimane abbiamo registrato la preoccupazione di diversi associati. Ecco perché Confartigianato spinge da tempo per una riforma strutturale della bolletta elettrica, per ridurre il peso degli oneri parafiscali che gonfiano i costi non tenendo conto dell’effettivo consumo di energia e quindi creando sperequazioni enormi tra grandi e piccole imprese».

 

Cerca articoli

Cerca

Ultimi articoli

Categorie
Archivi
Hai bisogno di aiuto o hai un dubbio?

Se desideri più informazioni o vuoi richiedere una consulenza, scrivici o chiamaci.

CONTATTACI

Articoli Correlati

Bilancio sociale 2023

È stato redatto il primo bilancio sociale di Confartigianato Imprese Belluno, documento fondamentale per ribadire gli scopi cui Confartigianato Belluno mira e i valori che

Leggi Tutto »